giovedì 7 febbraio 2013

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE I SOCKERBULAR ...

CHIEDO SCUSA A TUTTE LE CUOCHINE MA PER MOTIVI DI SALUTE NON HO POTUTO RISPETTARE LA DATA DI PUBBLICAZIONE ... CON UN GIORNO DI RITARDO ECCO IL MIO POST.

O Signore, o Signore , o Signore.

5 tentativi con la lievitazione che mi andava male ma alla fine ce l'ho fatta.
Poi arriva mia nonna a trovarmi,li vede e cosa mi dice??
Come mai hai fatto i miei panini per l'hot dog tondi???
Come fai a metterci i wuster???
Cosa??????????
Vado a vedere la ricetta della mia nonna e vedo che la differenza è minima ovvero un poco meno di zucchero ma sono identici.
Così ecco come ve la presento, come il classico di mia nonna ovvero senape e wuster!!!
Certo non è il massimo della presentazione ma cercate voi di mettere un wuster lungo in un panino tondo!!!
La ricetta è comunque dolce e con un ripieno di crema quindi se volete provare anche questa versione potete andare direttamente qui a curiosare un pò!!


Ingredienti per circa 15 sockerbullar tondi

per il preimpasto:
 
170 ml di latte
10 g di lievito secco
10 g di zucchero
200 g di farina manitoba

Ho intiepidito il latte poi l'ho messo nella macchina per il pane con programma IMPASTO insieme al lievito, allo zucchero e alla farina.
Per chi non ha la macchine per il pane deve impastare questi ingredienti e far riposare almeno 45 minuti il un luogo caldo, deve raddoppiare il suo volume.

Secondo impasto:
il preimpasto lievitato
70 g di burro
50 g di zucchero (per quelli salati mia nonna aveva scritto solo 30)
2 tuorli
200 g di farina 00


Ho impastato a mano tutti gli ingredienti unendo il burro a pezzetti solo da ultimo.
Appena pronto ho iniziato subito a creare delle piccole palline e metterle sulla placca foderata da carta da forno.
Avevo nel frattempo acceso il forno a 50° e messo a bollire una pentola piena di acqua.
Pronte le palline ho spento il forno, nel ripiano basso ho messo la pentola con l'acqua fumante e nel ripiano sopra la placca.
Ho chiuso il forno e ho fatto lievitare il tutto per almeno 30 minuti.
Dopo ho tolto la placca e ho scaldato il forno a 250°.
Ho infornato e ho cotto per 5 minuti, poi altri 5 minuti invece a 200°.

Vi consiglio se volete usare la ricetta salata di farli allungati e se vi piace l'idea mettete già il wuster nell'impasto prima ancora di cuocerlo ... non vi dico che bontà!!!

Il prossimo mese saremo ospiti di Voglio vivere così con la sua pastiera di maccheroni


Ci rivediamo il 6 di marzo.

46 commenti:

  1. Che stupendi Sockerbullar!!!
    Grazie della tua partecipazione carissima Elena, ci dispiace per l'indisposizione di tutta la famiglia.
    Felice carnevale e buon secondo anniversario alla nostra iniziativa :))))
    Appuntamento al 6 marzo con la Pastiera di maccheroni
    Un abbraccio!

    Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a voi e scusatemi davvero è stato davvero impossibile per me!!!

      Elimina
  2. Mi spiace che non sei stata bene.... spero che adesso sia risolto... purtroppo questo è periodo di influenze e virus!
    La tua versione in effetti ricorda molto anche i miei panini semidolci.... ahahahah (nella forma....ma in effetti ha ragione tua nonna... anche un pò negli ingredienti!), ora vado a controllare la mia ricetta... ahahahh...
    Comunque, sembrano proprio invitanti! :-)

    RispondiElimina
  3. ben tornata, allora !
    Ah..le nonne....sai che la versione dolce è goduriosa ????ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao Elena, sono simpatici i panini tondi con il wurstel dentro, ma sono anche molto buoni :)
    Se ti va passa a trovarmi, ti abbiamo coinvolto in un giochino simpatico per conoscerci meglio. Ti aspettiamo.
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. se il risultato è questo ...abbiamo fatto bene ad attendere!
    ottimi!
    bacio cara

    RispondiElimina
  6. ciao Elena, anche se tondi e wurstel lungo, li trovo ben fatti, non ci conoscevamo, per cui ben arrivata...;))

    RispondiElimina
  7. Caspita! salati! Effettivamente lunghi sarebbero stati gli ideali per i wustel! Complimenti per la tua versione!

    http://lemilleunapassione.altervista.org/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia fosse arrivata prima la nonna

      Elimina
  8. quando son buoni son buoni o tondi o lunghi!!!bravissima....

    RispondiElimina
  9. Ottima la tua versione salata, bravissima anche a tua nonna. Mi spiace che tu sia stata poco bene. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2 giorni da urlo ma oggi tutto ok

      Elimina
  10. Mi dispiace leggere che non sei stata troppo bene. Spero che adesso sia tutto ok... il post lo dimostra perché questi panini sono perfetti!
    Effettivamente è un po' dura mettere un siluro dentro un panino tondo... ma non ci formalizziamo troppo! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmmmmmmm sai la scienza è crudele ahahahahahha grazie si è passato tutto 2 giorni da incubo e poi puf nulla più

      Elimina
  11. non posso che non aprezzare molto divertente la versioen salata ma anche buona

    RispondiElimina
  12. Che belli questi panini! Io di solito li compro, ora posso provare a farmeli da sola, saranno sicuramente più buoni!!!!
    Un sorriso
    Anna

    RispondiElimina
  13. Belli i tuoi panini Elena!
    Io riesco sempre a partecipare all'ultimo momento!
    Baci e alla prossima!

    RispondiElimina
  14. Sì, immagino che bontà!!!
    Quando vuoi puoi partecipare al mio Linky Party "La cucina di una volta" con una tua ricetta! A presto!

    RispondiElimina
  15. sono perfetto Elena, sofficiosi, perfettamente lievitati!!!!

    RispondiElimina
  16. Versione salata, ma ugualmente golosa! Piacere di conoscerti per questa meravigliosa iniziativa delle Quantiste. Bacissimi e a rileggerci presto!

    RispondiElimina
  17. Molto svedese il tuo ripieno.....
    Mi piacciono un sacco e spero che con la mia pastiera sia piu` facile....
    a presto
    fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio proprio iniziare a provarla ... mi incuriosisce tantissimo

      Elimina
  18. Mi dispiace per l'indisposizione ma, meglio tardi che....
    Sono molto sfiziosi presentati in questo modo.
    Sai, noi, in genere, programmiamo la pubblicazione, perché non si sa mai quello che può succedere.
    Alla prossima, ci si ritrova da Francesca:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione ma siccome l'ultima infornata l'ho fatta lunedì pensavo di farcela invece

      Elimina
  19. ciao, finalmente ce la faccio a passare. ma che idea originale glissare sul ripieno e farcirli con il salato! in effetti l'impasto non e' molto dolce e la forma ricorda i panini all'olio :) i tuoi tentative sono stati premiati, ti sono venuti gonfissimi!!! grazie per l'impegno cara. baci, Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara mi hai fatto sudare le 7 camice!!! ahahahahahahha

      Elimina
  20. Elena.....mi ero persa un pochino vero??? scusa se non ero più riuscita a passare, ma mi ero presa l'appunto ed ora mi è tornato in mano...ecco cosa vuol dire prendere appunti sulle bollette!!!!

    La tua versione salata è a dir poco meravigliosa!!!

    RispondiElimina

Grazie per essere venuto a trovarmi, lascia un tuo commento