domenica 7 ottobre 2012

LE STESE DI GIACOMO

Questa ricetta me l'ha inviata Giacomo via e-mail per partecipare al mio contest.
Quello che seguirà è tutta la spiegazione e la storia di questa pasta come mi ha raccontato lui!!

La ricetta di Giacomo è una semplice pasta di semola di grano duro che viene fatta nel cuore dell'Irpinia, precisamente a Montella, paese in provincia di Avellino conosciuto per la produzione di castagne.
La tradizione vuole che si ottenga un impasto duro, che viene tagliato con un mattarello dentato in legno, ottenendo così dei filamenti di pasta simili agli spaghetti alla chitarra, ma più spessi.
Quella di mettere delle erbe nell'impasto è sempre di tradizione e non una variante, poichè le famiglie benestanti si permettevano il lusso di giocare un pò con i colori e sapori.

Prendono il nome dal verbo "stendere".



Ingredienti per 4:

400gr di farina di semola di grano duro rimacinata;
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva;
pizzico di sale;
acqua fredda;
100gr di spinaci lessati e strizzati bene.

 Bisogna fare 2 impasti.
Quindi dividere gli ingredienti a metà (tranne gli spinaci ovviamente) ed impastare fino ad ottenere gli impasti con consistenze ben sode.
Far riposare la pasta avvolta in un canovaccio umido per una mezz'oretta.
Suddividere gli imasti a metà a loro volta, formando delle palline e poi allungarle un poco.
Stendere le sfoglie e tagliarle con l'apposito mattarello dentato.
Infarinare le stese e metterle da parte (non devono seccarsi).

 Per la salsa:

800gr di pelati;
olio extravergine d'oliva;
sale;
spicchio d'aglio;
mezza cipolla;
abbondante basilico;
provolone semistagionato per condire.

Fare una semplice salsa di pomodoro, facendo soffriggere l'aglio schiacciato (che verrà tolto a fine cottura) e la cipolla tritata con olio in una pentola ed aggiungere quindi i pelati.

Profumare con abbondante basilico a fine cottura.

 Per finire:

Lessare la pasta in abbondante acqua salata, girandola delicatamente quando lo necessita.
La cottura è approssimatamente di circa 6min (si tratta si di pasta fresca però ha uno spessore importante).
Scolarla e condirla con la salsa di pomodoro e la provola grattugiata a chi piace.

Buon appetito da Montella!!!!  :-)

Vi aspetto con tantissime altre ricette tradizionali al mio contest la nonna made in Italy 





18 commenti:

  1. Ma guarda che bella ricetta che ti é arrivata! Davvero bravo il tuo lettore che ha partecipato via mail!

    Ps. Quel matterello che taglia a spaghettoni me lo hanno regalato, magari ci provo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IO NON L'HO DEVO PROVVEDERE PERCHE' MI ATTIRA

      Elimina
  2. Ma che piatto delizioso! Davvero interessante
    buona domenica

    RispondiElimina
  3. un'inno favoloso alla nostra italia!
    felice domenica!

    RispondiElimina
  4. Un bel primo tricolore! :D Complimenti!

    RispondiElimina
  5. Ottima ricetta ma il matterello dentato....ciaoooo buona settimana

    RispondiElimina
  6. piatto tricolore davvero molto invitante buono^^

    RispondiElimina
  7. in perfetto stile italiano, bravo a Giacomo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si hai ragione è stato bravissimo

      Elimina
  8. Un bel piatto davvero! Semplice e gustoso! ...certo che pensavo fosse più facile x me partecipare al tuo contest...come faccio a stupirti con un piatto tradizionale se siamo quasi vicine di casa? Aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi puoi deludere dato che siamo vicine di casa sai bene che sarò molto severa con te ah ah ah scherzo ammazza quante ricette puoi fare ma scherzi??? ce ne sono una marea .... dai dai dai sei bravissima

      Elimina

Grazie per essere venuto a trovarmi, lascia un tuo commento