sabato 8 settembre 2012

PANINI DI MELANZANE

NON POSSO DARTI QUELLO CHE TI MANCA MA POSSO AIUTARTI A VIVERE CON QUELLO CHE SEI E CHE PUOI FARE.

E' una frase che ho trovato tempo fa  su un volantino di un gruppo che insegna ai ragazzi Down a essere indipendenti.
Ormai l'ho fatta come motto di vita è una frase speciale !!!

Da quando conosco questa frase non prometto mai a nessuno quello che non hanno ma mi dedico anima e corpo a farle vivere meglio anche se non posso fare tantissimo.
A volte per alcune persone basta una parola altre una mano altre un'amicizia.
Il volontariato è quello che dobbiamo insegnare ai nostri figli.

Non so perchè ho iniziato il mio post così ma ne avevo voglia, forse per far conoscere un pò l'Elena privata al di fuori del blog e magari far passare grazie al web un messaggio importante.

Ma ora passiamo alla ricetta va!


Mini panini di melanzane ripieni di mozzarella e pomodoro.


Ingredienti:
1 melanzana lunga
1 mozzarella
1 pomodoro
olio aromatizzato al basilico fatto in casa
pepe tec al

Ho sbucciato la melanzana perchè io non adoro la sua buccia. L'ho tagliata a fette e l'ho messa in un colapasta con del sale per far spurgare l'acqua vegetale.

Dopo l'ho sciacquate e grigliate in padella o meglio in griglia.

Ho tagliato il pomodoro ben lavato e la mozzarella a fette.
Ho assemblato i panini mettendo una fetta di melanzana,sale e pepe, la mozzarella, il pomodoro e coperto il tutto con dell'altra melanzana. 

Quando li ho messi nel piatto ho salato, pepato e condito con l'olio che avevo aromatizzato al basilico.

Servire freddo!!!

24 commenti:

  1. Ciò che hai scritto ti fa onore... se poi dopo aggiungi una golosità così.... alla faccia del panino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho da smaltire ora le melanzane ah ah ah

      Elimina
  2. Una frase stupenda certo se a questo segue anche un po',di pratica come il volontariato, e" il massimo. Elena oggi hai mandato un messaggio fantastico che ti fa onore! Il blog e" anche questo, bravissima. I tuoi panini mi piacciono molto e me li

    RispondiElimina
  3. Adoro la prima parte di questo post :) E' un messaggio davvero importante :)

    RispondiElimina
  4. Buonasera Elena, grazie per aver condiviso con noi la splendida frase all'inizio del tuo post!
    Un grazie enorme anche per questi panini.. così gustosi!!!
    Buona serata!!

    RispondiElimina
  5. Gustosa ricetta e messaggio davvero importante! :)

    RispondiElimina
  6. un messaggio bellissimo....ma la ricetta non è da meno.....

    RispondiElimina
  7. Questi panini sono veramente super :)
    La frase con cui hai aperto il post mi ha fatto riflettere molto, grazie!

    RispondiElimina
  8. Hai proprio ragione. Io ho un cugino con un handicap e condividere con lui certe emozioni a volte é molto forte. Altre lo vorrei strozzare. Ma per chi ha l'abitudine di lavorare in questo ambiente (ho fatto a lungo volontariato) sa che é normale. I ragazzi con certi handicap sono davvero furbi e ti fregano davanti e dietro :)
    Ad ogni modo, bellissima frase.
    Buonissime anche le melanzane :)

    RispondiElimina
  9. Buonissimi questi panini alle melanzane!! ... Complimenti:-) un saluto Cinzia

    RispondiElimina
  10. Spesso ci lamentiamo per cose superficiali, ma dovremmo sempre ricordarci di quelli che hanno difficoltà.
    Ottimi panini! E anche dietetici senza il pane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti super light e poi se usi magari la mozzarella con pochi grassi allora sono perfetti per la dieta

      Elimina
  11. Bellissimo messaggio....e con questo i miei complimenti, sapevo che Elena era una persona speciale....e così ce lo hai dimostrato!
    ti adoriamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troppo buona non mi ritengo affatto speciale anzi vorrei fare di più ma a volte è impossibile ... i beni materiali ci bloccano sempre

      Elimina
  12. Da dieci anni nel mondo del volontariato... Posso confermarti che arricchisce l'anima, molto più di quanto si possa immaginare. Questioni private me ne tengono lontana, una volta lo facevo pressoché quotidianamente. Non c'è una misura in quello che possiamo fare. Quello che a volte a noi sembra tanto poco in realtà potrebbe essere tantissimo... ogni realtà è diversa, ogni esperienza nuova. Non c'è una regola precisa...
    Fine della vita privata... Parliamo di melanzane!! Il tormentone numero due della casa di Elena! Via allo smaltimento.... Ma in maniera egregia come solo questa piccola grande donna sa fare!!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti cerco sempre di essere attiva ma ci vorrebbe un giorno da 48 ore e poi con il piccolo è un pò un problema ma anche se in maniera piccola non sono riuscita a mollare questo dono.
      MELANZANE: dicesi melanzana quell'ortaggio che mio marito odia e che mio suocero continua a piantare e regalarmi ... non è una missione è un suicidio per me ah ah ah

      Elimina

Grazie per essere venuto a trovarmi, lascia un tuo commento