giovedì 30 agosto 2012

MELANZANE ALLA SARDA E ERBA DELLA MADONNA

A volte bisogna tornare un pò indietro e decidere di cambiare strada, facendo i nostri mea culpa e non vergognarsi mai di dire HO SBAGLIATO.
Ieri io l'ho fatto con i prodotti naturali che possiamo trovare o in natura oppure più comodamente in erboristeria.
Lavorando con le scarpe antifortunistiche che devo dire pessime in senso di materiali usati, quest'estate con il caldo che era mi hanno fatto venire un fungo a un'unghia del piede che non faceva altro che crearmi dolore e infezione.
Subito andai dal medico che mi ha prescritto una pomata con antibatterico ma dopo una settimana mi sentivo non migliorata anzi peggiorata.
Un signore parlando così mi disse che esisteva l'ERBA DELLA MADONNA.
Io sono molto scettica ma a mali estremi estremi rimedi,sono andata in erboristeria, ho preso il gel di questa pianta e dopo solo 12 ore di applicazione signore mie almeno il dolore me lo ha tolto.
E’ una pianta grassa molto graziosa, che non necessita di grandi cure.
Il nome, erba della Madonna, deriva dal fatto che un tralcio può essere staccato dalla pianta per adornare tabernacoli, e fiorisce a distanza di diverse settimane, anche senza averle mai dato acqua.
Viene chiamata comunemente  Sedum telephium.

 Uso della pianta: in toto. Viene staccata una foglia, si toglie la pellicola dalla faccia inferiore, e si applica sulla zona da trattare. L’aderenza viene garantita da un cerotto, può essere tenuto per 8-10 ore al giorno.
L’effetto è antibatterico e cicatrizzante.
Le indicazioni principali comprendono:
• Unghia incarnita
• Callosità (gli spagnoli la chiamano erba callista)
• Cisti sebacee
• Mastite
• Bartolinite
• Follicolite
Esiste anche sotto forma di gel (Sedum maximum gel, in erboristeria). L’ho sperimentata anche sulle punture di zanzara  l’effetto antiprurito è pressochè immediato.
Effetti collaterali: rari. Può dare fenomeni allergici locali, che vengono trattati con l’applicazione di pomata all’ossido di zinco.
 In alcuni casi, davvero vale la pena di riscoprire i rimedi della nonna per curarsi in modo naturale!

Ma adesso bando alle ciance e via con la ricetta di oggi. Niente di complicato anzi gustoso e con pochi ingredienti. 
Io ho deciso di aggiungere alla ricetta originale anche i capperi che hanno dato un sapore in più al piatto.
 
 Ingredienti:
2 melanzane
2 spicchi di aglio
olio DANTE
pepe TEC AL
500 g di pomodori
3 cucchiai di prezzemolo
2 cucchiai di capperi

Tagliare le melanzane a fette e farle spurgare con dell'abbondante sale in un colapasta almeno 30 minuti.
Sciacquarle e poi fare delle incisioni sulla fetta stile scacchiera.
Foderare una teglia con carta da forno e mettere le melanzane distese. 
Ricoprirle con i pomodori che avrete precedentemente tagliato a dadini, e il trito composto da aglio, prezzemolo e capperi.
Condite con olio sale e pepe e infornate a 180° per 40 minuti.
Vi consiglio di farle e mangiarle anche il giorno dopo, sono molto più buone.


32 commenti:

  1. che golosità lo proverò sicuramente
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Grazie mille dell'informazione Elena!!!!!!!!!!Terrò a mente...Intanto mi gusto il tuo piatto saporito davvero!!!!!!!
    Un bacione bimba

    RispondiElimina
  3. Grazie per i preziosi consigli!! Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Grazie per il rimedio naturale è sempre bene saperlo.Trovo la tua ricetta delle melanzane molto gustosa.Ciao.

    RispondiElimina
  5. Le scarpe infortunistiche... dopo averne buttate 2 paia alla fine ne ho avute un paio veramente buone, che non davano effetti collaterali. Come ti capisco. Non sia mai dovessi averne di nuovo bisogno terrò presente il rimedio della Madonna...
    Le melanzane, sono veramente ok! Quante ne hai ancora?? Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no le melanzane sono poche con il fattore che non piaciono molto in casa ha messo solo 3 piante ma fanno molte melanzane

      Elimina
  6. interessante post, non si smette mai di impare e questi rimedi naturali sono i migliori!

    RispondiElimina
  7. grazie per l'informazione sull'erba e complimenti per il piatto di oggi .

    RispondiElimina
  8. anche io. quando si può, prediligo i rimedi naturali... e adoro solo a guardarle le tue melanzane!

    RispondiElimina
  9. Una delizia queste melanzane!!!! E grazie per tutte le info su questa pianta che non conoscevo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati penso che quando sappiamo o scopriamo una cosa va condivisa

      Elimina
  10. Mi fa piacere aver scoperto un altro rimedio naturale, me lo tengo ben presente....grazieeeee!

    Ps. Ottime anche le tue melanzane ...slurp

    RispondiElimina
  11. C'è un premio per te, passa da me!

    RispondiElimina
  12. Interessante quel gel ho preso buona nota come pure della ricetta ciaoooo

    RispondiElimina
  13. La ricetta è golosissima. Grazie per i consigli erboristici... preso nota :)

    RispondiElimina
  14. Non avevo mai sentito parlare di questa erba, ma fa piacere sentire questi consigli, possono sempre essere utili!
    Così come sarebbe utilissimo un bel piatto delle tue melanzane.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non la conoscevo nemmeno io buon week-end anche a te

      Elimina
  15. è un gran bel consiglio spero di trovarla anche da me, grazie e complimenti per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma penso di si comunque fammi sapere

      Elimina
  16. interessanti notizie, ho preso appunti non si sa mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere Lea che ti sia utile

      Elimina

Grazie per essere venuto a trovarmi, lascia un tuo commento