sabato 7 gennaio 2012

IL CASTAGNACCIO DI AUGUSTA


Quando facevo il castagnaccio avevo sempre il problema che o mi veniva troppo alto oppure una sogliola .
Augusta è l'amica di mia suocera e parlando con lei le disse come faceva.
Il segreto per avere il castagnaccio all'altezza che vuoi tu è prendere la teglia e riempirla di acqua fino all'altezza che desideri.
Dopo con l'acqua che togli ci metti la farina fino a che serve.
Un'idea che non sapevo (magari molti di voi sapevano già) e che mi ha fatto ritornare la voglia di farlo un pò più spesso.
Questa ricetta non è la tradizionale perchè molti non mettono l'arancia ma l'uvetta e anche delle noci.

Ingredienti:
q.b. acqua
q.b. farina
un pizzico di sale
pinoli
rosmarino
scorza di arancia tagliata


Quando avete livellato l'acqua nella taglia, mettetela in una ciotola e iniziate a mescolarla con la frusta e unire a pioggia la farina di castagne. Il composto deve essere consistente ma sempre liquido.
Foderate la teglia scelta con della carta da forno e versateci il composto. Sopra spargete aghi di rosmarino, scorza di arancia fatta a pezzetti e pinoli.
Infornate a 200° fino a quando tutta la superficie non sarà piena di crepature.
Assaggiare freddo.

4 commenti:

  1. Ciao! grazie della visita, il castagnaccio lo prepara spesso mia madre, più o meno con la ricetta che proponi tu, io l'adoro!! ps: ti seguo!! a presto

    RispondiElimina
  2. Io non preparo mai il castagnaccio ma..ho un sacchetto di farina per cui mi tenti!!!!

    RispondiElimina
  3. guarda con questo metodo non puoi sbagliare magari se vuoi tentare fai una piccola teglia e il mio consiglio è di non farlo troppo alto, l'altezza ideale sarebbe di 1 dito

    RispondiElimina

Grazie per essere venuto a trovarmi, lascia un tuo commento